Come richiedere l'ASSEGNO UNICO PER I FIGLI | UIL Trasporti Lazio

Come richiedere l’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI

Dal 1° luglio le famiglie con Isee fino a 50.000 euro possono contare sull’assegno unico per i figli.

E’ stata approvata una misura PONTE che ci traghetta al 2022, quando con la riforma fiscale diventerà universale.

Come richiederlo?

Puoi rivolgerti a noi per la compilazione e l’invio della domanda.

RICORDA CHE DEVI AVERE UN ISEE IN CORSO DI VALIDITA’ (che puoi sempre richiedere presso i nostri sportelli) ed un IBAN dove ricevere l’accredito dell’assegno.

Si può anche richiedere un bonifico presso uno sportello postale ed incassare i soldi all’ufficio postale.

L’assegno mensile viene riconosciuto dal mese di presentazione della domanda, ma per chi lo richiede entro il 30 settembre viene riconosciuto retroattivamente a partire da luglio

La misura ponte coprirà quasi due milioni di famiglie, mentre da gennaio con l’assegno unico a regime tutte le famiglie con figli verranno coinvolte dalla riforma a sostegno del reddito.

Quali sono i requisiti?

  • Possono beneficiare dell’assegno PONTE tutti i nuclei familiari con figli a carico di età inferiore ai 18 anni, che non hanno accesso agli Assegni familiari (ANF). (artigiani, lavoratori autonomi, disoccupati, coltivatori diretti, percettori di reddito di cittadinanza)
  • L’assegno unico per i figli invece verrà riconosciuto a partire dal settimo mese di gravidanza fino al compimento dei 21 anni.
  • Occorre essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione europea
  • titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente o esser suo familiare.
  • deve pagare le imposte sul reddito in Italia;
  • vivere con i figli a caricofino al compimento dei 18 anni;
  • vivere in Italia ed essere residente in Italiaper almeno due anni, anche non continuativi, o esser titolare di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato con una durata almeno semestrale.

L’importo dell’assegno decresce al crescere del reddito ISEE, fino ad azzerarsi con ISEE pari a 50.000 euro. In presenza di figli disabili l’assegno viene aumentato di 50 euro mensili a prescindere dall’ISEE.

L’assegno unico cancellerà definitivamente gli ASSEGNI FAMILIARI, è esentasse ed è compatibile con altre misure di sostegno alle famiglie erogate da Regioni, Province o Comuni   e con il Reddito di Cittadinanza.

I sostegni eliminati nel 2022

Per sostenere economicamente questa misura, o dall’entrata in vigore dell’assegno unico spariscono:

  • le detrazioni per figli a caricoe l’ulteriore detrazione di 1.200 euro per le famiglie con quattro figli, mentre rimangono quelle previste per il coniuge e per gli altri familiari a carico;
  • l’assegno al nucleo familiare con almeno 3 figli minorenni;
  • gli assegni al nucleo familiare;
  • il premio alla nascita;
  • il contributo per gli assegni familiari versato dai datori di lavoro;
  • il fondo di sostegno alla natalità.

In una prima stesura era stato soppresso anche il bonus bebè ma nella legge di bilancio 2021 è stato mantenuto. Inoltre, vengono mantenute tutte le detrazioni o deduzioni sulle spese sostenute per i figli a carico, come quelle mediche, scolastiche o sportive.

L’importo dell’assegno temporaneo varia a seconda della composizione del nucleo familiare:

  • Con ISEE fino a 7mila euro, gli importi spettano in misura piena, pari a 167,50 euro per ciascun figlio in caso di nuclei con uno o due figli, ovvero a 217,80 euro per figlio in caso di nuclei più numerosi;
  • Con ISEE pari a 50mila euro, la misura non spetta.

Per le richieste successive al 30 settembre 2021 e fino al 31 dicembre 2021, l’Assegno decorrerà dal mese di presentazione della domanda.

  INFORMAZIONI  

ORARI APERTURA UFFICI SEGRETERIA

LUNEDI’ – VENERDI’

08:30-13:00 / 14:00-17:30


ORARI APERTURA SERVIZI CAF/PATRONATO

LUNEDI’ – VENERDI’

08:30-12:30 / 14:15-16:30


Contatti

TEL. 06.7698021

FAX. 06.76965066